Archivio | 3:34 PM

al supermercato

25 Nov

Già altre volte ho raccontato di vivere in un quartiere residenziale, molto traquillo ma, soprattutto, con un taso di anzianità molto elevato. Non ci faccio tante battute sopra perchè molto probabilmente diventerò anche io così, ma a volte al supermercato assisti a delle scene davvero soprendenti e divertenti. Oggi, passando tra le corsie del supermercato, sento una voce gentile delicata e cortese e chiaramente straniera dire più volte “gira a sinitra, gira a destra. fermati, spostati ecc..” Visto che c’erano due o tre commesse con i bancali (che pesano un tot, provare per credere) che stavano rifornendo gli scaffali di generi vari, all’inizio pensavo che stessero spostandoli da un reparto all’altro e che qualcuno li guidasse. Arrivo alla cassa e mi accingo a sistemare le mie mercanzie nelle buste dopo aver pagato. Non avevo ancora finito che mi si para davanti una Signora anziana in piedi appoggiata alla sua carrozzella con la badante a fianco. La Signora indossava un cappotto con collo di pelliccia un cappello in tinta stile tirolese con fiorellini di lana applicati sulla fascia centrale e guanti in pelle alle mani. Mi guarda con aria fiera e mi fa a voce alta “Ue’ ragazza spostate che debbo passa’” E la badante dietro a finire di pagare e a rincorrerla.
Elisa