“Una casa a tutti i costi”? ……ma non per tutte le tasche

16 Mar

Già tempo fa dissi che a Torino non c’è un palazzo con un Vendesi appeso fuori ad ingiallire….
Il mercato immobiliare è fermo, e un giorno o si e l’altro pure la Tele ci propina servizi su banche che non concedono mutui, gente che non paga i mutui perchè ha perso il lavoro, prezzi delle case che dovrebbero scendere….
Allora in questo esilarante quadro, non potevo credere alle mie orecchie quando l’altra sera mi sono trovata a zappingare un canale televisivo locale dove andava in onda il programma virgolettato nel titolo. Una coppia di eleganti signori chiamati da agenzie immobiliari che visitavano alloggi in vendita. Ne hanno mostrati tre, il più “piccolo” di 180 mq. Non sto scherzando.
– Il primo era in Corso Vittorio zona Tribunale centro storico casa fine ottocento ristrutturata composta di ampio soggiorno, tre camere da letto, studio, cucina, doppi servizi, lavanderia e stanza armadio. Roba da single, insomma
-il secondo era in zona meno centrale ma altrettanto bella, vicino ad un bellissimo Parco cittadino al nono piano con vista a 360°. 230 mq composti da salone doppio, quattro camere, cucina con tinello, studio, doppi servizi, stanza giochi dei bambini, ecc….. Tanto per rendere l’idea ci abitava una coppia con sei figli che lo ha trovato “strettino” alla nascita del settimo….
il top è arrivato con la visita del terzo appartamento. Si trova in una delle zone più esclusive della città, ossia la zona pedonale del quartiere Crocetta. Piano nobile di una villetta a tre piani degli anni trenta di 260 mq con loggiato chiuso e adibito a giardino di inverno ,”per i cocktail con gli amici”, suggerisce la signora che ce lo fa visitare. Grazie mille, ho subito pensato tra di me, perchè è sempre stato un problema quello dei cocktail o il te con le amiche :-)!!! Oltre al “giardino d’inverno” l’alloggio è dotato di ampplissimo salone che può contenere la mia casa per intero, una enorme cucina in muratura, otto camere otto da letto!!!!
I prezzi? Ovviamente per tutte le tasche e preparate il libretto degli assegni: il più economico seicentomila euro e il più costoso (“ma li vale tutti, Nee!” sottolinea il gentile conduttore) “uno e quattro” e non penso intendessore un euro e quaranta centesimi!!! Mi chiedo se sono capitata senza volerlo su di un canale “alta gamma” o “top class”.
Attendo la prossima settimana, la prossima puntata, per vedere se mi fanno vedere un normalissimo appartamento di 60- 80-100mq
Ma la crisi è terminata e non me ne sono accorta?
Elisa

Annunci

4 Risposte to ““Una casa a tutti i costi”? ……ma non per tutte le tasche”

  1. sherazade 16 marzo 2014 a 5:58 pm #

    No Elisa, il fenomeno vergognoso di questa lunga crisi du.ra.tu.ra. è proprio quello che vuole ‘i ricchi sempre più ricchi e i poveri senpre più impoveriti’ per nn parlare del ceto medio impiegatizio che sta alla canna del gas e deve fare presto altrimenti non trova i soldi manco più per quella bolletta.

    sheraciaobellaquigransoleprimaverile

    • sportelloutenti 17 marzo 2014 a 7:23 pm #

      Ma un ricco che diventa ricco creando lavoro o ricchezza anche per gli altri, sottoforma di posti di lavoro creati e tasse pagate e non evase, ad esempio, mi sta bene. Buon per lui e sono contenta. Non voglio ricchi che depredano la collettività, non pagano le tasse, arraffano senza rendere nulla indietro. Non mi stanno i poveri che pagano anche per i ricchi e perdono sempre più ricchezza e benessere.
      E’ una vergogna
      Elisa

  2. Shunrei 17 marzo 2014 a 9:40 am #

    “Uno e quattro”? Mmmmh… immagino si riferissero a “Un polmone e quattro reni”, il minimo di organi che una persona “normale” deve vendere al mercato nero (ovviamente con l’impegno di tutta la famiglia, per mettere assieme i 4 reni, eh!) per racimolare quella cifra…
    Quella trasmissione a me ha sempre fatto girar le balle (ancor di più la versione “all’estero”), lo ammetto. Mai che aiutino a cercar casa persone con budget “normali”, tutti tizi con disponibilità (e a volte anche richieste) assurde o cui le banche son disposte a concedere lì per lì mutui astronomici.
    Comunque pure nella mia zona almeno l’80% dei palazzi ha un cartello “Vendesi” attaccato. Scrivo solo l’80 e non il 90 perchè buona parte di questi palazzi (zona di condomini) di cartelli ne hanno almeno 2. E la cosa ridicola è che nonostante la situazione si questa ormai da qualche anno (e continui solo a peggiorare, con cartelli nuovi che affiancano i vecchi e vengono integrati dagli “Affittasi” dei negozi che chiudono), col cavolo che i prezzi degli immobili sono calati.

    • sportelloutenti 17 marzo 2014 a 7:28 pm #

      Era la prima volta che guardavo questa trasmissione e ti giuro che ho pensato a una presa in giro, all’inizio soprattutto a battute tipo “che bella una stanza lavanderia con l’asse da stiro sempre pronto per le camicie” oppure “stanza ottima per i cocktail”. Io abito vicino alla zona pedonale e ti assicuro che di case invendute ce ne sono un bel tot, anche qui zona di condomini e con più di un cartello e ora sbucano anche tanti affittasi, causa mutui fantasma… Poi tutto sto scendere di prezzi non lo vedo manco io
      Elisa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: