Archivio | 5:21 PM

Terribile la vita

23 Nov

Prendete una donna intelligente, bella, con laurea scientifica e master in prestigiosa università, che viene assunta presso una famosissima organizzazione che finanzia progetti di ricerca scientifica, una carriera prestigiosa davanti, viaggi in giro per il mondo per essere informata sullo stato dell’arte della ricerca, che partecipa ai più prestigiosi convegni con il gotha scientifico premi nobel compresi….insomma dalle mani (anzi dalla penna) di questa signora dipende il si o il no al finanziamento di un progetto di ricerca piuttosto che un altro…Ecco posizione invidiabilissima che vorrebbero magari assumere un bel po’ di altre persone al posto suo, un lavoro che richiede una competenza, capacità e assoluta obiettività e non coinvolgimento…..MA!
Ecco il destino cinico e baro ci mette lo zampino: La giovanne domma è anche una giovane madre e una delle sue bellissime bambine nasce con una rarissima e implacabile malattia genetica….magari una di quelle che le sono passate sotto gli occhi da valutare e manco aveva preso in considerazione o non aveva ancora avuto tempo di farlo.
Situazione terrificante, da far salire un brivido sulla schiena anche alla persona più cinica e distaccata.
Ora questa donna è una vera professionista, ed essendo passata dall’altra parte della scrivania o della barricata e non potendo più garantire quella obiettività e quel distacco che servono per svolgere il suo lavoro….ha rassegnato le dimissioni e si dedicherà anima e corpo a promuovere progetti di ricerca per aiutare la sua bimba e chi come lei ha la stessa malattia. Del resto è anche e soprattutto una madre.
Tanto di cappello e tutta la mia ammirazione
Questo vuol dire essere grandi….. Peccato che i nostri politici non abbiamo la stessa “professionalità”
Elisa sconvolta

Pubblicità